Roma come Torino: Comune riconosce figlia a due papà

La bimba nata a novembre era già riconosciuta legalmente figlia di due padri in Canada. La registrazione anagrafica a Roma segue quella di due madri registrate dall’anagrafe di Torino

Il Comune di Roma ha registrato il certificato di nascita di una bambina canadese figlia di due papà. Lo fa sapere una nota lo studio legale Schuster di Trento che si è occupato del caso. “In questi giorni lo studio legale – si legge – ha portato a termine la pratica di trascrizione integrale di un atto di nascita canadese di una bambina che indicava due padri sin dalla nascita. Dopo alcuni mesi di confronto con gli uffici comunali e grazie alla sensibilità di tecnici dello stato civile che hanno ponderato tutti gli argomenti pro e contro, senza intervento di alcun giudice l’esito è stato la piena trascrizione ed efficacia in Italia dell’atto di nascita canadese, realizzata il 6 aprile e conclusasi nei giorni scorsi con gli ultimi adempimenti anagrafici”.

“Un’importante svolta nel comune più grande d’Italia”

“Un’importante svolta nel comune più grande d’Italia. La Corte di appello di Roma – si legge ancora nella nota – è la prima ad allinearsi a quella di Trento con una sentenza finora tenuta riservata e a confermare il pieno riconoscimento in Italia di due padri già tali per il Canada. Ma i tecnici del Comune, oramai, concordano che la risposta corretta è tutelare il neonato riconoscendo subito due papà tali grazie alla gestazione per altri. La prima trascrizione completa e ‘spontanea’ di una bimba nata a novembre si è perfezionata in questi giorni”.

Agenzia DIRE
www.dire.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sostienici

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*