Brindisi, 48 migranti del Kosovo su un veliero – VIDEO

Un veliero blu di 15 metri con a bordo 30 uomini, 6 donne e 12 bambini di nazionalità kosovara fermato al largo di Brindisi. In arresto i tre scafisti: due ucraini e un russo. I migranti condotti nel centro di Restinco

In copertina: Una migrante di nazionalità kosovara appena sbarcata nel porto di Brindisi dal veliero fermato e sequestrato dalla Guardia di Finanza

Il Nordster sequestrato dalla Guardia di Finanza
Martedì sera, i finanzieri di un pattugliatore d’altura insieme ai militari delle vedette veloci del Reparto Operativo Aeronavale della Guardia di Finanza di Bari hanno proceduto al controllo di un veliero, accertando la presenza di numerosi migranti sottocoperta, all’interno delle cabine di bordo. Il “Nordster”, veliero monoalbero della lunghezza di circa 15 metri battente bandiera tedesca, è stato condotto presso il porto di Brindisi. L’operazione delle Fiamme Gialle era scattata intorno alle 20:00 e il veliero carico di migranti è giunto in porto nella mattinata di ieri, alle ore 02.30, e sottoposto a sequestro.

I 48 migranti di nazionalità curda e Kosovara, di cui 30 uomini, 6 donne e 12 bambini sono stati condotti presso il locale Centro d’accoglienza di Restinco, in provincia di Brindisi. All’esito degli approfondimenti di polizia giudiziaria, svolti congiuntamente dai militari della Sezione Operativa Navale e del Nucleo di Polizia Economico Finanziaria di Brindisi, i tre skipper, due ucraini e un russo, sono stati arrestati per favoreggiamento all’immigrazione clandestina e posti a disposizione della competente Autorità Giudiziaria.
L’imbarcazione sospetta era stata intercettata al largo delle coste brindisine dalle unità aeronavali degli assetti della Guardia di Finanza, impegnate nell’operazione “Themis 2018” dell’Agenzia Frontex e coordinata a livello nazionale dall’lnternational Coordination Centre (I.C.C.) istituito presso il Comando Operativo Aeronavale Guardia di Finanza di Pratica di Mare e in Puglia, dal Gruppo Aeronavale di Taranto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sostienici

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*