Siria, la denuncia di Msf: “Così a Ghouta bombardano gli ospedali” – VIDEO

Medici Senza Frontiere denuncia la devastazione degli ospedali in Siria a causa dei bombardamenti. In un video diffuso dalla Ong si vede un ospedale della regione di Ghouta distrutto e non più funzionante

Com’era prima, quando funzionava, e com’è adesso, dopo i bombardamenti: a documentarne la devastazione di un ospedale nella regione siriana di Ghouta orientale é un video condiviso oggi da Medici senza frontiere, che sostiene la struttura dal 2014.
“Il video – sottolinea l’ong – mostra l’ospedale prima, quando vi nascevano i bambini, e dopo l’attacco, con gli ambienti distrutti, dall’ingresso alle sale per i pazienti. Al momento la struttura non é più funzionante”.
Secondo Medici senza frontiere, “di fatto il cessate il fuoco nella Ghouta orientale non é mai partito, attacchi e bombardamenti continuano, ed é salito a 4050 il numero dei feriti e a 770 il quello dei morti, dal 18 al 27 febbraio. Tra loro, molti sono donne e bambini”.
“Questi dati – sottolinea l’ong – arrivano da 10 strutture a cui Msf garantisce un supporto regolare e altre 10 a cui l’organizzazione sta fornendo materiali medicali di emergenza. Ma si tratta di una sottostima perché alcuni centri hanno bisogno di tempo per inviare i dati e perché nell’area ci sono anche altre strutture, non supportate da Msf, che hanno assistito feriti di cui non abbiamo i numeri”.

Agenzia DIRE
www.dire.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sostienici

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*