Iscrizioni scolastiche: al via dal 16 gennaio

Inizia oggi la fase di registrazione per il prossimo anno scolastico. Le iscrizioni potranno essere effettuate dal 16 gennaio al 6 febbraio prossimi

È di nuovo il tempo delle iscrizioni alle classi prime delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado. Ricordiamo che le iscrizioni sono obbligatorie per le scuole statali e sono invece facoltative per le scuole paritarie, per le quali è ancora possibile effettuare l’iscrizione presentandosi alle segreterie degli Istituti. Lazio, Liguria, Lombardia, Molise, Piemonte, Sicilia, Toscana e Veneto hanno allargato la possibilità d’iscrizione online anche ai corsi d’istruzione e formazione dei Centri di Formazione Professionale regionali. Il Ministero ha predisposto, come lo scorso anno, un sito dedicato alle iscrizioni che contiene anche le istruzioni operative e l’elenco della documentazione necessaria. Dal 9 gennaio, è possibile procedere alla registrazione per ottenere le credenziali di accesso al servizio. Dalle ore 8:00 del 16 gennaio, sino alle ore 20:00 del 6 febbraio prossimi, sarà possibile effettuare le iscrizioni. Dopo aver inviato la domanda alla scuola, o al CFP, prescelta, il sistema la prenderà in carico e invierà una ricevuta di conferma automatica e una sua copia alla casella di posta elettronica indicata durante la fase di registrazione. La scuola scelta dalla famiglia prenderà in carico la domanda e confermerà l’accettazione. Qualora non ci fossero più posti disponibili, sarà la scuola stessa che dirotterà la domanda verso una delle scuole alternative, scelte dal genitore all’atto della compilazione della domanda. Durante tutto questo processo, la famiglia sarà costantemente tenuta informata delle evoluzioni della propria domanda, attraverso la propria casella di posta elettronica.

Dal momento dell’invio della domanda non sarà più possibile modificarla. Se dovessero essere necessarie modifiche alla domanda presentata, sarà necessario prendere contatto direttamente con la scuola scelta che, sempre attraverso il portale, restituirà la domanda per permettere all’utente di eseguire le modifiche che si sono rese necessarie e di procedere a un nuovo invio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sostienici

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*