Ancora traffico di carburante nel Mediterraneo

Attenzionata per traffico di droga la motonave fermata dalle Fiamme Gialle risultava avere a bordo 100mila Kg di combustibile di contrabbando e 11mila Kg di tabacco di contrabbando lavorato all'estero

Mercoledì 26 ottobre è stata fermata una nave battente bandiera del Togo al largo della costa siciliana. La nave era già oggetto di attenzioni da parte delle autorità inquirenti e la sera in questione è stata individuata nei pressi della riserva naturale protetta di Vendicari, in provincia di Siracusa. La motonave “Grain M” è stata intercettata quindi in acque territoriali italiane da due unità navali della Guardia di Finanza che abbordato il loro obiettivo hanno accertato a bordo la presenza di cinque membri di equipaggio indonesiani e, successivamente all’assenza di documenti che giustificassero il carico successivamente scoperto dai militari delle Fiamme Gialle e la navigazione in quelle acque. Dopo i primi accertamenti, la Grain M è stata scortata nel Porto Grande di Siracusa dove è stata sottoposta a “visita doganale”.
A bordo della motonave è stato cosi rinvenuto un notevole quantitativo di carburante pericolosamente stipato all’interno di tre cisterne non idonee a sostanze infiammabili, posizionate nella zona maestra dell’imbarcazione ed all’interno di una grossa cisterna ricavata artigianalmente nella zona di sentina, sotto la linea di galleggiamento del natante. L’infiammabile contrabbandato era pari a circa 100.000 chilogrammi.
L’ispezione della Dogana e delle Fiamme Gialle, condotta con particolare attenzione anche mediante l’utilizzo delle unità cinofile, atteso che la motonave era stata segnalata per traffico internazionale di sostanze stupefacenti, consentiva agli operanti di rinvenire 11.000 chilogrammi di tabacchi e 31.000 euro circa che sono stati considerati proventi del contrabbando di oli minerali. Il 25enne comandante della Grain M è stato quindi sottoposto alla misura cautelare del Fermo di Polizia Giudiziaria per i reati di contrabbando di olii minerali e di tabacchi lavorati esteri, nonché per il reato di riciclaggio. Denunciati a piede libero anche i quattro componenti dell’equipaggio per il reato di favoreggiamento personale. Sono in corso di svolgimento le indagini per risalire ai canali di approvvigionamento dei prodotti contrabbandati con la Grai M.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sostienici

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*