Demoliti gazebo e scale abusive sulla costa agrigentina

Avviata la prima demolizione a cura degli stessi responsabili dell’abuso e sotto la stretta vigilanza dei militari della Guardia di Finanza tra Porto Empedocle, Siculiana Marina e Realmonte

Nei primi giorni del mese di agosto scorso erano state sequestrate, durante l’operazione a salvaguardia delle coste agrigentine, dalla Guardia di Finanza della Compagnia e dalla Tenenza di Porto Empedocle, diverse aree demaniali occupate abusivamente con gazebo in legno, platee in cemento, scale e discese a mare, lungo la fascia costiera agrigentina da Porto Empedocle, Siculiana Marina, e Realmonte. Dopo le convalide dei sequestri, effettuati dalla locale Autorità Giudiziaria ed il proseguimento delle attività di indagine dei militari della Tenenza, si è già avviata la prima demolizione, a cura degli stessi responsabili dell’abuso, sotto la stretta vigilanza dei finanzieri. Grazie all’abbattimento, è stato così ripristinato lo stato dei luoghi a salvagurdia della bellissima “spiaggetta” di Giallonardo. I proprietari delle aree private e dei locali turistici, qualora interessati alla realizzazione di opere regolari e sicure, dovranno chiedere le autorizzazioni agli Enti preposti, nel rispetto delle norme vigenti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sostienici

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*