Altri sbarchi nella notte a Lampedusa, sindaco oggi al Viminale

Hotspot dell'isola quasi al doppio della capienza massima. Arrivi continui e trasferimenti da Lampedusa ancora non programmati. Oggi il sindaco Totò Martello a Roma dal ministro Marco Minniti

Gli arrivi di migranti nordafricani non si sono fermati ieri sera con lo sbarco di oltre cento harragas ultimato intorno alle 21 dalle motovedette della Guardia Costiera. Nella notte ancora sbarchi ed ancora a Cala Croce. Davanti la caletta in cui ieri pomeriggio sono approdate due barche con una trentina di tunisini, questa notte ha tentato di arenarsi un’altra barca, anche questa con lo stesso “carico” di 15 migranti. Altri dieci harragas sono invece stati rintracciati a terra dopo un probabile sbarco fantasma. Sale a 410, circa, il bilancio dell’Hotspot di Contrada Imbriacole che ha ormai quasi doppiato il proprio limite di capienza.

La nuova intensa ondata di migranti provenienti dalla Tunisia rischia di gettare nuovamente Lampedusa in un teso stato di allerta. Oggi pomeriggio il sindaco di Lampedusa e Linosa, Totò Martello, verrà ricevuto al Viminale dal ministro dell’Interno Marco Minniti dopo che per motivi di salute di quest’ultimo era mancato l’incontro a Lampedusa lo scorso 3 ottobre. Sul tavolo del ministro il sindaco Martello metterà prima di tutto la questione dei migranti dell’Hotspot ed i tempi di trasferimento dalla struttura e quindi da Lampedusa. Tema caldo e strettamente legato ai motivi di ordine pubblico denunciati nelle scorse settimane dall’isola e dal suo sindaco.

Problema che rischia di replicarsi visto che per oggi non sembrano previsti trasferimenti, che l’Hotspot è saturo oltre misura e che la legge vieta di trattenere all’interno della struttura i migranti dopo le 48 ore dall’accesso. Nuovi piccoli reati potrebbero quindi verificarsi nuovamente per le vie dell’isola. Attività delinquenziali che paradossalmente apparirebbero il male minore rispetto ai rischi, in materia di ordine pubblico, costituiti da 400 migranti della stessa nazionalità, ed in molti casi anche quartiere, rinchiusi e con il teorico rischio di rimpatrio. Una eventuale rivolta di una massa così numerosa e potenzialmente coesa potrebbe essere una circostanza difficile da fronteggiare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sostienici

1 Trackback / Pingback

  1. Concorso in speronamento o nebbia sulle responsabilità in area SAR ? – Associazione Diritti e Frontiere – ADIF

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*