Gran Sasso, forte scossa a Pizzoli

Lo sciame sismico che interessa la zona di L'Aquila non accenna a scemare. Paura per gli abitanti di Pizzoli scesi instrada. Nessun danno rilevato agli edifici

Gli abitanti di Pizzoli, cittadina in Provincia di L’Aquila di appena quattromila anime, si sono ritrovati tutti in strada a seguito di una allarmante sequenza di scosse sismiche. La più forte ha raggiunto una magnitudo di 3.9 gradi ed ha avuto una durata di 47 secondi. Sufficiente a far temere crolli nel centro abitato. La sequenza è stata di cinque scosse. La più forte è stata la prima, alle 14:15 di ieri, ed ha causato il riversarsi nelle strade dei pizzolani. A seguire, con intervalli ciclici di due minuti, sono arrivate tre scosse decrescenti da 2.9 a 2.3 gradi. Una quinta scossa, di 2.2 gradi, è stata registrata circa due ore più tardi ed alle 19:45 ancora una di entità ancora più lieve. L’epicentro è stato rilevato a cinque chilometri nord-est di Pizzoli ad una profondità di 10-12 chilometri.

I continui movimenti del Gran Sasso non sono attività isolate, ma probabilmente concatenate ad altre scosse registrate nella giornata di ieri lungo la dorsale appenninica. Alle 19:10 è stata la volta di Montieri, in Provincia di Grosseto, con una scossa di magnitudo 3.0 di cui il paesino di mille abitanti è stato epicentro. Anche in Provincia di Parma e alle porte di Campobasso sono state rilevate scosse di terremoto, rispettivamente di 2.8 e 2.7 gradi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sostienici

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*